Torna agli Articoli

Toscani: “Il casting delle polemiche? Siamo davvero un Paese scoppiato” (adnkronos.com / 26.05.2016)

Postato il 27.05.2016 da write@toscani.com Commenti Commenti disabilitati su Toscani: “Il casting delle polemiche? Siamo davvero un Paese scoppiato” (adnkronos.com / 26.05.2016)
Toscani: Il casting delle polemiche? Siamo davvero un Paese scoppiato
Oliviero Toscani (Fotogramma)

“Il casting di ‘Romanzo Famigliareè stato ‘spericolato’? Ma in Italia non abbiamo davvero altri problemi! Non ci scandalizziamo dei fili spinati, o dei bambini che muoiono in mare per tentare di arrivare da noi, e ci preoccupiamo di un casting come quello di ‘Romanzo Famigliare’. Siamo davvero un Paese scoppiato”. Parola del fotografo Oliviero Toscani che, con l’Adnkronos, ritorna sull’annuncio sul profilo Facebook di Luana Velliscig, responsabile del casting presso la Film Commission Torino Piemonte (così recita il profilo pubblicato sul social), con cui si cercava un “ragazzo di 15/18 anni nano o con altra disabilità che trasmetta tenerezza“, destinato ad un ruolo nella fiction che dovrebbe intitolarsi ‘Romanzo famigliare’, diretta da Francesca Archibugi e prodotta dalla Wildside per la Rai.

“La reazione che è sviluppata – continua Toscani – mi fa impressione. Si arriverà al punto che gli africani ci metteranno nelle riserve, come noi abbiamo fatto con gli indiani quando abbiamo conquistato l’America”. Toscani racconta inoltre che “qualche anno fa, per una campagna per un produttore italiano di abbigliamento per bambini, ho coinvolto la Ong per i rifugiati che mi hanno aiutato facendomi fotografare donne e bambini migranti di un centro per i rifugiati sulla spiaggia di Sabaudia. Erano volontari, li abbiamo pagati come tutti gli altri modelli. Erano felicissimi di essere accettati, integrati e simboli di bellezza. Logicamente il committente si è spaventato di tanta pubblicità e la campagna successiva l’ha fatta nel modo tradizionalmente banale e noioso”.

 

 

Pubblicato il: 26.05.2016

Source:   adnkronos.com

Categorie: La polemica